Macchina da scrivere
Ott23

Macchina da scrivere

[Francesca Corona] Quella macchina da scrivere antica, poggiata sul banco. La prima cosa che notai, fu che al primo errore, tutto sembrava rovinarsi. Non potevi cancellare l’errore facilmente come oggi, era come scrivere a mano. Ma con l’aggiunta di quell’inconfondibile suono, stupendo e ridondante, come la vita, che si ripete,e ci fa evolvere. Dal passato, dove sta il cuore del nostro presente, il segreto è...

Leggi tutto
Dove il diverso non esiste
Ott09

Dove il diverso non esiste

[Francesca Corona] Due mani. Due mani di donna. Capito? Due donne. Chi ha detto che una donna non può amare un’altra donna? Chi ritiene che l’omosessuale e il bisessuale abbiano un’identità sessuale meno degna o meno ”normale” di quella di un eterosessuale? O che il transessuale sia un essere da scrutare con stupore, con sgomento? All’amore non interessa rispondere. Per il filo rosso che lega il...

Leggi tutto
Lise follie
Ago04

Lise follie

[Alessandro Buttafuoco] Terre lise follie tutte bestialmente umane non il tempo temo ne la possibilità di risposte firme sugli sguardi  A chiudere porte il meriggio nel rispetto della forza Resistere comunque al luogo Non adattamento ne coazioni Ad annerire sogni comuni Ancora avanti nel come eravamo Volano gazze libere *disegno di Alessandro...

Leggi tutto
Gaza
Lug12

Gaza

[Gianni Mascia] Come di piombo, grigio, su chelu a manzanu candu sos isteddos vanno in giacigli di pace a riposare, posca de una noti de malos bisos, incubi intrisi di tempesta. Che prumu, murru, il cielo al mattino, nuvole squarciate da vampate ch’ischidant pitzinnos all’improvviso, le fiamme de su fogu de s’inferru, laggiù, a Gaza. Inferno di fuoco, bambini nel gioco di vita che si spegne a poco a poco; lividi di dolore e ferite di...

Leggi tutto
Quanto pesa la libertà? [di Sara Myo]
Feb12

Quanto pesa la libertà? [di Sara Myo]

[Sara Myo] [Quanto pesa la libertà? Tutto il pianeta con sopra oceani ed elefanti e le mosche svolazzanti e le foglie perse nel vento; pesa come un sonno tormentato in distese infinite di favelas. La libertà mi pesa, come tutto il mondo che sulle spalle voglio portare la libertà mi è ostile compagna dolorosa se inizio a contare dal mio me] Quanto pesa la libertà? Un sorriso radioso infinito e gioioso se inizio a contare...

Leggi tutto
Dall’inizio del mio tempo
Feb10

Dall’inizio del mio tempo

[Sara Myo] dall’inizio del mio tempo lentamente mi districo e il mio agonizzante srotolarmi il mio furbo fuggire per baciare l’azzuro del cielo (perché io, io sono gabbiano di mare non educato alla folla) ora proprio ora che mi ritrovo albero ora lo comprendo: è nel mio legarmi alla terra sgretolata che io posso volare restando finalmente ferma in me stessa e districo e districo radici e rami speculari il denso e il...

Leggi tutto