Contemporary 2019: Frammenti asistematici di filosofia – ‘Scrivere cancellando’

Foto di Giulio Capobianco

[Redazione]

Venerdì 23 agosto, all’interno della sesta edizione di Contemporary, Festival di arte d’avanguardia e al termine del confronto Sorvegliare, curare e punire, si svolgerà nella Cantina Sa Defenza, in via Sa Defenza n°38 sempre a Donori, Frammenti asistematici di filosofia – ‘Scrivere cancellando’. Titolo paradossale, ma forse è ciò che appare tale nel campo percettivo dell’OCCIDENTATO e cioè di quell’essere perfettamente radicato dentro la propria presunzione di sapere… (Testo/lettura di Sebastiano Giacobello con improvvisazioni sonore di Roberto Follesa).

Foto di Alessandro Olla

Sebastiano Giacobello da circa trent’anni è impegnato nella ricerca musicologica volta ad approfondire problematiche riguardanti, sia l’ambito estetico filosofico della musica antica e della musica contemporanea, sia l’ambito del teatro musicale. Ha partecipato come relatore a numerose conferenze in Italia e all’ estero; ha curato convegni musicologici e svolto attività – sotto il profilo della cura scientifica – nell’ambito espositivo e nell’ editoria, con pubblicazione di articoli e saggi. E’ stato Direttore responsabile del trimestrale di ricerca musicologica Jazz not Jazz edito dall’Ismj (Istituto siciliano per la musica jazz). Inoltre è stato Direttore responsabile del quadrimestrale trilingue (italiano, inglese e arabo) Avidi Lumi edito dal Teatro Massimo di Palermo. Per la tipicità dei temi affrontati – culturali, sociali, filosofici e musicali – riguardanti il panorama etnico musicale mondiale, la rivista ha raggiunto spessore e vasto consenso internazionali, cui va aggiunto il riconoscimento positivo da parte dell’ UNESCO. Attualmente è docente di Storia della Musica e Filosofia della Musica.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su