Gaza

10402707_891419017551434_825738478690880626_n

[Gianni Mascia]

Come di piombo, grigio, su chelu a manzanu
candu sos isteddos vanno in giacigli di pace
a riposare, posca de una noti de malos bisos,
incubi intrisi di tempesta.
Che prumu, murru, il cielo al mattino,
nuvole squarciate da vampate
ch’ischidant pitzinnos all’improvviso,
le fiamme de su fogu de s’inferru, laggiù, a Gaza.
Inferno di fuoco, bambini nel gioco
di vita che si spegne a poco a poco;
lividi di dolore e ferite di coltello nel cuore.
In s’ànima, le urla in sa limba de David, e pallottole,
ballas de axiu in costau, che a s’Incravau,
su Cristu postu in gruxi chentza de pecau.
Sa di morte il cielo grigio, gonfio di piombo, a Gaza,
candu sirenas de disisperu, nell’aria infetta,
cantano attitidus de mamas de disamparu,
de mamas in cieli di bunker impaurite
per la sorte de sos fizos de s’intifada,
pitzinnos de lager,
nàschidos dae su bentu de Sabra e Chatila,
ricordi di fuoco a interrompere il gioco,
a seminare venti di utopia,
a cancellare incubi e ombre di agonia.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su