Il festival Echi lontani prosegue con il Duo Daccapo

[Redazione]

Dopo l’applauditissimo concerto del Quartetto Vanvitelli, che giovedì 21 ha inaugurato la Stagione 2019domenica 24 marzo per il festival Echi lontani arriva il secondo appuntamento. Alle 11, ancora una volta nel suggestivo Palazzo Siotto di Cagliari, sale sul palco il Duo Daccapo (composto da Enrico Bissolo e Luigi Accardo) per un matinèe interamente dedicato alle musiche per clavicembalo composte da Francoise Cuperin e Johann Sebastian Bach. Nella scrittura tastieristica, Couperin (1668-1733) considera con attenzione speciale le peculiarità del clavicembalo, rendendo impossibile eseguire lo stesso brano scambiando le tastiere di questo strumento e dell’organo, come ancora all’epoca era possibile. Dei suoi brani di composizioni per clavicembalo, ordinati in 27 ordres e distribuiti in quattro libri, domenica saranno proposti: IV Ordre e III Ordre.

Johann Sebastian Bach (1685-1750) ha dedicato al clavicembalo un gruppo imponente di concerti solistici risalenti al decennio 1727- 1736 trascorso a Lipsia. Di questi, l’aspetto più rilevante è quello di una vera e propria ridefinizione del ruolo del cembalo, considerato sino a quel momento uno strumento di accompagnamento con scarse possibilità solistiche. Nell’appuntamento di domenica del genio tedesco sarà proposto il Concerto per due clavicembali in Do Maggiore BWV 1061.

Echi lontani, giunto alla 25esima edizione, è organizzato dall’omonima associazione culturale in partenariato con il Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina” e con la collaborazione della Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto” e dell’associazione culturale “Le Officine” con l’obiettivo di proporre il prezioso patrimonio della musica antica suonato nei più suggestivi angoli del capoluogo sardo. Echi lontani è tra i membri del network Rema, l’unico rappresentante per la musica antica in Europa nato con lo scopo di favorire lo scambio di conoscenze, informazioni e collaborazioni nel campo della musica antica. Echi lontani è realizzato con il contributo di: Regione autonoma della Sardegna, Comune di Cagliari, Fondazione di Sardegna.

Enrico Bissolo si è diplomato in organo e, cum laude, in clavicembalo presso il Conservatorio di Verona; ha inoltre conseguito, con il massimo dei voti, la laurea specialistica in Musicologia alla Facoltà di Musicologia di Cremona. Ha frequentato corsi di specializzazione in particolare nell’ambito della musica antica e dell’improvvisazione organistica con M. Radulescu, E. Bellotti, T. Koopman, P. Peretti, G. Parodi e S. Rattini; si è specializzato in Organo Storico, Clavicembalo e Basso Continuo presso la Musikhochschule di Trossingen con E. Bellotti e J. Halubek. E’ stato premiato ai concorsi organistici di Fano Adriano (secondo premio), Salerno (terzo premio), Acqui Terme (secondo premio) e al concorso di musica da camera a Neuburg an der Donau (primo premio). Ha fondtao, assieme a Luigi Accardo, il duo clavicembalistico “Daccapo- italian harpirschord duo” con il quale approfondisce la letteratura per due strumenti a tasiera: il duo ha pubblicato il cd “Bac’s corut in Leipzig” (Stradivarius, 2015). Sul versante musicologico, alcuni suoi lavori son apparsi su riviste specializzate; ha pubblicato per la casa editrice Musedita l’eidizone completa dei Capircci da sonar cembali et organi di Gregori Strozzi. E’ direttore delle edizioni musicali presso Fluente Records, etichetta discografica e casa editrice di recente costituzione.

Luigi Accardo è nato a Cagliari nel 1985. Si è diplomato, con Rosabianca Rachel, in Pianoforte presso il Conservatorio Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari e in Clavicembalo, con Paola Poncet, presso il Conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza. Ha conseguito, sempre presso il Conservatorio di Piacenza, il Diploma Accademico di II Livello (master) in Clavicembalo e tastiere antiche, e il diploma Accademico di II livello in Musica da Camera, entrambi col massimo dei voti. Ha frequentato masterclass e corsi di perfezionamento, con maestri quali Cristine Schornsheim, Olivier Baumont, Carmen Leoni, Pierre Hantai. Ha conseguito – con il massimo dei voti e la lode – la laurea di I livello in Etnomusicologia presso il Conservatorio di Cagliari e la laurea magistrale in Musicologia, con una tesi sui canti tradizionali della Settimana Santa di Bonnanaro, presso la Facoltà di Musicologia di Cremona. Si è esibito in numerose città tra le quali Milano, Torino, Roma, Lodi, Piacenza, Cremona, Cagliari, Nora, Laconi, Alghero, Pamparato, Parma, Somma Campagna, Illasi, Varese, L’Aquila, Mantova, Padova, Udine, Mondovì, Brema (Germania), Zagabria, Rovigno, Korčula (Croazia), Prades, Plateau, Bordeaux, LaTour De France (Francia), Vorden (Olanda), Kuwait City (Kuwait), Vilnius (Lituania), Mosca (Russia), Tokyo, Fuji (Giappone), Bettmeralp (Svizzera).

Ha registrato per Arcana (Outhere Music) il CD “Santo Lapis – La stravaganza & 12 Harpsichord Sonatas”, in cui sono contenute 12 sonate e una Stravaganza, registrate e pubblicate per la prima volta, del compositore bolognese Santo Lapis. Il disco è stato recensito con il massimo dei voti sulle prestigiose riviste “Amadeus” e “Musica”.

Nel 2013 ha fondato, insieme al musicista veronese Enrico Bissolo, il “Daccapo – Italian Harpsichord Duo”, ensemble musicale impegnato nella realizzazione del repertorio originale per due clavicembali. Il duo ha pubblicato due cd – The Bach’s Court in Leipzig (The Harpsichord Lordship), uscito nel Febbraio 2015 con Stradivarius (Milano) e “Les Nations” di François Couperin, nel 2018 sempre con Stradivarius. Il duo collabora con i videomaker ARTCAM di Verona, realizzando videoclip musicali basati su personali trascrizioni dei grandi autori del barocco italiano.

É il clavicembalista dell’ensemble “Quartetto Vanvitelli”. Il gruppo ha pubblicato un cd (Arcana) contenente le sonate inedite per violino e basso continuo dall’opera VIII di Michele Mascitti.

È il clavicembalista dell’ensemble “Accademia d’Arcadia”, diretto da Alessandra Rossi.

È il clavicembalista dell’ensemble “Articoolazione”, formato anche da Nicola Brovelli (Violoncello), Diego Leverić (tiorba, liuti e chitarra barocca) e Leandro Marziotte (controtenore). Il gruppo si occupa prevalentemente di musica italiana e ha recentemente registrato un CD di cantate inedite della scuola napoletana del Settecento, pubblicato dall’etichetta Arcana (Outhere Music) , dal titolo “Frangi Cupido i Dardi”.

Si occupa di tastiere elettroniche e synth a tastiera, realizzando video dimostrativi e programmazione per il portale europeo “www.space4keys.com”. Ha suonato in numerose band e progetti, e si è esibito in Italia, in Svizzera e in Francia. Ha registrato due cd inediti: Starbynary – Dark Passenger, BakerTeam Records, 2014; Starbynary – Divina Commedia, Inferno, Revalve Records, 2017. Ha registrato due assoli di tastiera per il disco del musicista argentino Ivan E. Silva (Chronopolis, 2014).

Sul versante musicologico, partecipa ad un progetto di ricerca incentrato sullo studio delle Celebrazioni musicali Cagliaritane del 1937. Ha svolto a fine documentario, per incarico dell’associazione culturale “Hymnos” di Santu Lussurgiu (Or), registrazioni e ricerche sulle celebrazioni della Settimana Santa nel paese di Bonnanaro (SS). Ha partecipato a convegni e seminari, in qualità di relatore.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su