Nessuno deve rimanere indietro

[Roberto Loddo]

Pubblichiamo la presentazione della mostra fotografica sul lavoro e il reddito del fotografo Roberto Pili Nessuno deve rimanere indietro curata da Roberto Loddo, presidente della cooperativa sociale Il Giardino di Clara. La mostra sarà inaugurata all’interno dell ’evento “Il diritto alla felicità. Reddito e lavoro” che si svolgerà giovedì 7 dicembre alle ore 17.00 nel Municipio di Assemini in Piazza Repubblica n°1. Le foto saranno esposte nella sala mostre del Municipio di Assemini in Piazza Repubblica n°1 dal 7 dicembre al 13 dicembre 2017 e la mostra sarà visitabile ogni giorno dalle ore 16:00 alle ore 19.00 con ingresso libero.

Il lavoro fotografico di Roberto Pili ci racconta una Sardegna sempre più terra di disuguaglianza e ingiustizia che non si vuole arrendere all’ordine delle cose esistenti. Le sue foto fanno rumore come i caschi degli operai sbattuti con rabbia sui muri del palazzo della Regione e come le grida dei pastori sardi e le mobilitazioni creative dei giovani precari dei call center.

I protagonisti di queste immagini rivendicano una via d’uscita credibile alla marea di disperazione ed emarginazione. Una via d’uscita che passa per un nuovo modello di sviluppo di politiche del lavoro sane, stabili, legate alle peculiarità delle nostre comunità, nel rispetto dell’ambiente, e dei diritti civili e sociali.

Le foto di questo giovane fotografo e video maker cagliaritano sono la sintesi di un minuzioso percorso di ricerca, un percorso di parte che attraverso le sue Nikon D800 e Fujifilm X-T1 restituisce dignità e valore a un popolo senza nome e senza volto.

L’obbiettivo di Nessuno deve rimanere indietro è infatti quello di generare la visione di un senso comune a tutti coloro che vivono la crisi sulla propria esistenza, una crisi che sembra non passare mai e che ha smascherato la grande illusione di un mondo più competitivo, un mondo in cui si sarebbe dovuto correre tutti un po’ di più, realizzando benessere diffuso per tutti.

Questa mostra di 13 foto testimonia il coraggio, la volontà di riscatto sociale e l’urgenza di cambiamento per una terra che vive in maniera violenta un processo di deindustrializzazione che ha lasciato un deserto di disastri sociali e solitudine. 13 foto che ci fanno comprendere come non ci possa bastare un lavoro qualunque e l’erogazione di un sussidio. Rivendichiamo il diritto alla felicità.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su