#Palestina: considerazioni sulla tregua

Palestina-libera...[Antonello Boassa]

 

Una nuova riflessione del pacifista Antonello Boassa sulla tregua di Gaza. (Redazione)

La tregua tuttavia si farà (naturalmente senza alcun punto fermo) e si dirà che favorirà gli accordi di pace . E questi accordi non condurranno a niente perchè Israele non vorrà cedere su nessuno dei suoi privilegi di dominio . Anche la richiesta di Hamas di allargare l’area della pesca è stata ritenuta impraticabile.
La tregua ,secondo la proposta Usa ,durerà almeno una settimana ,favorendo così un corridorio umanitario che si aprirà davanti ad una devastazione demoniaca . 842 i morti (per ora) , più di 4.000 feriti ,150.000 i rifugiati .
Evidente che una tregua che comporti il dominio coloniale di Israele non condurrà a nessun risultato positivo per una “vera pace” . Del resto che accordi di pace possono essere quelli gestiti da un mediatore che è un fedelissimo alleato dell’oppressore . Evidente che nell’attuale situazione politica internazionale caratterizzata da bipolarismo (da una parte Usa , UE… dall’altra Russia , Cina ,,.) un mediatore credibile e autorevole doveva essere reperito con il concorso anche di Russia ,Cina ,Brasile…Ciò non è avvenuto perchè di fatto la “questione palestinese” è di pertinenza dell’occidente americano . John Kerry e Netanyahu ,alias il gatto e la volpe , hanno solo saputo umiliare Abbas e tenteranno ora lo stesso gioco con Hamas e con i partigiani palestinesi…

Continua a leggere l’articolo su Una parola contro le guerre

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su