Pieno sostegno all’ASARP. Solinas e Nieddu scongiurino lo sfratto dai locali

[Redazione]

Il 30 dicembre u.s. il Servizio logistica e valorizzazione del Patrimonio dell’ATS Sardegna ha comunicato ad ASARP la propria decisione di sfratto, in ragione di sopravvenute “necessità di disponibilità dei locali per la indifferibile messa a norma delle strutture dal punto di vista impiantistico ed antincendio”.

“L’ASARP esercita quotidianamente la propria attività di sostegno individuale ai familiari e alle persone che vivono la condizione della sofferenza mentale e più in generale a tutte le persone in difficoltà che chiedono consulenza sostegno ed aiuto” – sottolineano i consiglieri regionali di Liberi e Uguali Sardigna in una interrogazione presentata a prima firma Eugenio LAI – e fornisce gratuitamente i servizi alle persone senza nessun costo per la collettività”.

Si deve scongiurare lo sfratto senza costringere l’Associazione ASARP a chiudere i battenti – continua LAI –  poiché chiedere l’immediato abbandono dei locali comporterebbe gravissime lesioni ai cittadini appartenenti a categorie deboli e in stato di grave disagio, di cui la suddetta Associazione tutela interessi e dignità”.

“Chiediamo al Presidente della regione e all’Assessore regionale alla sanità  conclude LAI – di intervenire immediatamente per evitare lo sfratto dell’Associazione ASARP dai locali in cui esercita la propria attività e per trovare una soluzione che consenta il mantenimento degli interventi per l’inclusione sociale e i percorsi di cura emancipativi che restituiscano speranza, diritti e possibilità alle persone che vivono la sofferenza mentale”.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su