Storie in Trasformazione: Sergio Atzeni e le voci della Sardegna

[Redazione]

Venerdì 27 luglio 2018 alle ore 19:00 nella libreria Edumondo, in via Sulis n°47 a Cagliari si svolgerà la presentazione del libro “Sergio Atzeni e le voci della Sardegna” (Bononia University Press editore). La presentazione è inserita all’interno della rassegna letteraria Storie in Trasformazione 2018 – MutAzioni. Saranno presenti i curatori Giuseppe Ledda e Gigliola Sulis e l’incontro sarà coordinato dal giornalista Walter Porcedda.

Sono passati oltre vent’anni dalla scomparsa dello scrittore Sergio Atzeni (1952-1995), ma la sua opera, radicata profondamente nella tradizione sarda e insieme aperta all’innovazione e al dialogo con la cultura contemporanea internazionale, continua ad avere una fortissima presenza in Sardegna e a suscitare un ampio interesse in Italia e all’estero. Questo volume, composto di quindici capitoli firmati da scrittori e da studiosi attivi in università italiane e straniere, indaga molti aspetti della scrittura di Atzeni: le relazioni con la letteratura e la politica sarda, con la tradizione letteraria italiana e con fenomeni culturali internazionali; il ricorso alle tecniche allegoriche e la riflessione sui rapporti fra storia e narrativa; i dialoghi con la musica e con il cinema; i caratteri tematici, strutturali e stilistici delle sue opere.

Emerge così il profilo multiforme di uno scrittore che ha anticipato fenomeni pienamente affermatisi dopo la sua scomparsa, sia nell’ambito della letteratura italiana, come l’attenzione per la “realtà” o il ricorso al romanzo storico, sia in una dimensione più ampia, come la prospettiva postcoloniale o la riflessione sulle identità nazionali sotto il profilo linguistico, culturale e politico. Il libro, curato da Giuseppe Ledda e Gigliola Sulis, contiene i contributi di Marcello Fois, Paola Soriga, Duilio Caocci, Paolo Maninchedda, Mauro Pala, Giuseppe Marci, Roberto Puggioni, Giulio Iacoli, Filippo Milani, Myriam Mereu, Birgit Wagner, Gigliola Sulis, Aldo Maria Morace, Ilaria Puggioni e Giuseppe Ledda.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su