Terre riemerse

[Redazione]

Sabato 28 ottobre alle ore 18.00 a Cagliari nella Comunità Franca Ongaro Basaglia in Piazza San Giacomo n°7 prosegue progetto di promozione della lettura che intende avvicinare il mondo della salute mentale al resto della società “SquiLibri in Comunità”. Gisella Trincas presidente dell’ASARP dialoga con Matteo Maxia, autore di Terre riemerse, edizioni Ensemble.

Terre riemerse: La prima raccolta poetica di Matteo Maxia. Matteo ha questa capacità. In un tempo di sciatteria linguistica, la sua è un’opera di cesello, recuperando suoni e sensi della parola. Riesce a trasportare il lettore in continenti emotivi che rimangono sempre inesplorati: ciascuno deve ogni volta riscoprire i propri, diversi da tutti gli altri, continenti emotivi. Matteo è, ovviamente, uomo del nostro tempo. Se ci concediamo qualche sociologismo, molte delle sue poesie esprimono il disagio dell’uomo massa, mercificato e avvilito. Il disagio di “arrampicatore asociale”, che combatte quotidianamente per sopravvivere, non per crescere e migliorare, che si arrampica semplicemente per non cadere […]». (Gianfranco Bottazzi).

L’autore Matteo Maxia è nato nel 1976 a Cagliari, città nella quale vive e lavora attualmente. Strimpellatore di chitarra e cantautore per pochi intimi, ama la Sociologia, la Musica, la Poesia e ogni declinazione espressiva dell’Arte che sa emozionare. Sin dalla più tenera età, è attratto da tutto ciò a cui la Scienza non sa dare risposta e non esce mai di casa senza il suo taccuino, in cui cerca di catturare prospettive provenienti da ogni piano dell’esistente.

Organizza l’ASARP (associazione sarda per l’attuazione della riforma psichiatrica) con la cooperativa sociale ASARP UNO, la cooperativa sociale Il Giardino di Clara – Studio editoriale Typos, Radio Onde Corte (la prima radio della salute mentale in Sardegna) l’associazione EFYS Onlus e il Centro di Quartiere “La Bottega dei Sogni” e il Dipartimento di Salute Mentale ASSL di Cagliari.

Commenti

commenti

Autore: OndeCorte

Condividi su